abbigliamento Project Runway US

Project Runway US: prima puntata

sabato, maggio 03, 2014Vale


Dopo aver scoperto il vincitore della prima stagione di Project Runway Italia e aver sospirato per la poca verve di Eva Herzigova al confronto all'esplosiva Heidi Klum dell'originale, finalmente ecco la prima puntata della dodicesima stagione di Project Runway US. Con ricchi premi per il valore di oltre mezzo milione di dollari, tante novità, nuovi giudici e 16 stilisti in gara di cui uno ripescato dalle stagioni precedenti. Praticamente su misura per stupire noi italiani e per incantare gli accaniti fan. Cosa abbiamo visto però nella prima puntata? Ecco il recap. 

Si parte abbastanza in sordina con gli stilisti che arrivano in un aeroporto di piccoli velivoli preoccupati a capire se si dovranno buttare o far sfilare le loro modelle sulla pista d'atterraggio. Una radiosa Heidi Klum li accoglie accanto a Tim Gunn che li rassicura annunciando i nuovi premi e l'arrivo della sedicesima concorrente, Kate ...direttamente dalla 11esima stagione. 

La sfida è annunciata dal tuffo di altrettanti paracadutisti che lasceranno i loro preziosi velivoli dalla stoffa tecnica in mano ai 16 agguerriti concorrenti che dovranno realizzare un primo outfit con materiale insolito e che li esprima totalmente. 

Inutile a dirlo che alla Parsons Design School, dove da copione si svolge l'intera sfida, si iniziano già a riconoscere i personaggi che daranno pepe alla competizione. Dal russo Sandro Masmanidi che si dimenticherà qualche pezzo nell'outfit all'"ecosostenibile" Timothy Westbrook che commette più errori che altro e terrorizza la sua modella al talentuoso Brandon MacDonald. Allo stesso tempo si trova la "sopra le regole" Miranda Levy e la brava Sue Waller. 

Dopo due giorni di lavoro e i primi fitting dove Timothy spende più tempo a far provare una coreografia inutile alla sua modella e gli altri si divertono come non mai a vestire le proprie creazioni, si arriva alla sfilata

Manca il famoso "dategli un senso" di Tim Gunn (doppiato in modo diverso) e in alcuni modelli si vede decisamente che manca quel dettaglio a fare la differenza. Altri invece stupiscono per il loro effetto tanto che i giudici rimangono decisamente stupiti a vederli sfilare e anche da vicino.

Anche i giudici sono diversi: troviamo l'intramontabile Nina Garcia, direttore di Marie Claire America, Heidi Klum che è sempre più spietata, Kate Bosworth che dovrebbe essere l'ospite della serata e... rullo di tamburi... Zac Posen
Il giovane stilista è decisamente un punto a favore per tutti i concorrenti a cui da consigli e "rimproveri" decisamente interessanti (vedi quando fa notare a Timothy, l'ecosostenibile, che forse era meglio truccare la propria modella piuttosto che bruciare della stoffa emanando fumi).


I preferiti di LaCasaDelloStile: da sinistra gli abiti di Alexander, Ken, il vincitore Brandon, Miranda, Sue. Rate the runway per vedere e votare gli altri. 

Il vincitore della serata è decisamente uno dei più bravi, ossia l'ex ballerino Brandon MacDonald, con un abito intelligente che riesce ad unire tanti dettagli di stile e a far risaltare il tessuto nella coda con un effetto vaporoso unico. Lo scandalo semmai è al momento del decreto del perdente: si troveranno a faccia a faccia Angela, la creatrice di cappe, e Timothy che ha imbruttito totalmente la moda.

Il risultato è l'uscita di Angela a cui Tim Gunn sente di non dover dare la sua "carta della salvezza" (altra novità della stagione) per poterla far rimanere. Sicuramente molti spettatori si sono chiesti perché hanno tenuto il modello improponibile di Timothy e come mai Miranda sia stata graziata dalla squalifica avendo utilizzato più materiale aggiuntivo che il tessuto oggetto della sfida. Ma poco importa, siamo già alla puntata successiva. 

Piccola delusione sul finale ma grande spettacolo in tutto il resto del programma che incita a vedere quali altre novità ci saranno in questa dodicesima stagione di Project Runway che si preannuncia più esplosiva che mai. 

You Might Also Like

0 commenti

Google Plus

Leggi La casa dello stile su Flipboard

Modulo di contatto