abbigliamento donna Project Runway US

Project Runway US: quinta puntata

venerdì, giugno 06, 2014Vale

Mini collezioni e scaramucce


Eccoci arrivati alla quinta puntata i Project Runway US dove la tradizione vuole che uscita una prima donna ne spunti subito un'altra con tanto di scenate e brutture pro eliminazione di qualcun'altro. Se dopo l'uscita di Sandro si cerca l'erede...ecco che Ken arriva a prendere il suo posto con facce e scene degne di quella che gli americani definiscono Drama Queen. Ma vediamo cosa è successo e cosa succederà nella prossima puntata. 


Si inizia con la piccola parentesi dedicata a Sandro in cui, ormai da copione, tutti rimpiangono l'allegria mai dimostrata dal concorrente russo prima di arrivare nello studio dove una Heidi Klum sempre più misteriosa e protagonista della scena annuncia che i ragazzi ne vedranno delle belle in questa puntata e di andare con cautela. Proprio quest'ultimo indizio porta a capire nell'inquadratura successiva che si propone una sfida ispirata alle  macchine.

Qui però anziché essere le Renault come nella nona puntata di Project Runway Italia, si punta al nuovo modello di casa Lexus. Dopo la consueta presentazione dello sponsor da parte d Tim Gunn ecco che finalmente arriva la spiegazione della sfida e la prima scaramuccia del piccolo Ken.

La sfida consiste nel creare una mini collezione di tre elementi con materiali non convenzionali e i concorrenti saranno divisi in squadre da tre. La prima squadra scelta è formata da Ken, Sue e Alexandra. Se le due donne non commentano, Ken si lancia in uno sclero televisivo e in facce mai viste perché non ama lavorare in gruppo. 

Mentre Tim Gunn spiega che i materiali saranno recuperati o in un negozio di carte da parati vintage, o in un super market di cose tipiche o in un negozio di feste e tutto per la casa; Ken continua con il muso. Le scene successive sono ancora più esilaranti perché nel montaggio si vedono gli altri concorrenti sprizzare gioia e collaborare insieme mentre il terzetto è l'apoteosi dello sfinimento.

Tra Sue imbambolata, Alexandra che recita la parte della donna frustata del terzo millennio e Ken imbronciato nell'angolino che diventa sempre più il puffo brontolone e misantropo questa squadra da i nervi solo a vederla!

Con la solita classe che contraddistingue il programma si passa oltre e nel laboratorio si vedono le bozze dei primi abiti e s'intuisce che il gruppo di James, Kate e Karen si sta decisamente dando da fare. D'altra parte: Kate si era già distinta per l'uso dei sombreri nella terza puntata e Jeremy ha tutto da dimostrare dopo la quasi uscita di settimana scorsaNell'altro angolo Dom, Helen e Justin che sono intenti a rendere una carta da parati superba per poter battere la creatività senza paragone di Brandon


L'arrivo di Tim Gunn nel laboratorio, però, segna anche il passaggio del testimone definitivo che corona una volta per tutte Ken come il puffo Brontolone del gruppo. Infatti Tim porta con sé un Sandro in aria di scuse con tutti e saluti strappalacrime che vengono apprezzati da tutti tranne che dal piccolo acido.

Il risultato? Le altre squadre portano in passerella qualcosa di superbo che riesce decisamente a stupire i giudici (giusto per dirne una Kate ha cucito un abito con i chicchi di riso nero) mentre la mini collezione di Sue, Alexandra e Ken è decisamente orribile.




Perfino Zac Posen parte in quella che potrebbe essere una #cazziataFerretti in pieno stile, Nina Garcia li rimprovera a dovere (si è tornata Crudelnina) e l'ospite della serata è decisamente sconcertata. 

A vincere sarà il modello ispirato all'interno dell'auto di Jeremy che si prende una bella riscossa rispetto l'altra volta. A perdere Sue che ha obbligato la sua modella a cucirsi la spalla dell'abito perché non voleva uscire in passerella nuda.

D'altra parte per Sue era solo questione di ore: l'abilità più o meno c'era ma la fantasia e il guizzo dello stilista erano proprio lontani. 

Che ne pensate stilosi, fan del programma?

You Might Also Like

0 commenti

Google Plus

Leggi La casa dello stile su Flipboard

Modulo di contatto