arredamento arredo

Angolo lavanderia: come organizzarlo

giovedì, ottobre 05, 2017Vale



Fare il bucato è un'attività che prima o poi tocca a tutti fare. Per questo è bene trovare un modo per organizzare il proprio angolo lavanderia in modo pratico e con qualche dettaglio di stile. 
Oltre a velocizzare il bucato vi renderà l'attività anche più piacevole. Non ne siete convinti? La casa dello stile scommette che dopo questi consigli darete una nuova svolta alla vostra lavanderia rendendola uno degli angoli più instagrammabili della casa. 

Contenitori e catini 
La prima cosa da fare quando si organizza un angolo lavanderia è prevedere i posti dove mettere ciò che è da lavare e ciò che è da stirare. 
In questa macro divisione entrano in gioco 2 fattori: quanto spazio si ha di fianco alla lavatrice (regina della lavanderia) e quali contenitori scegliere. 
Se si ha la fortuna di costruire un armadio che contenga la lavatrice è una buona idea pensare a predisporre già un cassetto dove inserire la roba sporca. In questo modo è possibile avere tutto nello stesso posto e meno disordine in giro. 
In alternativa vale la pena aggiungere un cesto della roba sporca abbastanza capiente per accogliere tutto e lasciare la cernita dei capi in un secondo momento. 
Altro punto di raccolta da definire a priori è quello dello stiro. Può essere pratico crearlo sul balcone vicino agli stendini come avere tutto perfettamente piegato all'interno di un contenitore sempre nel vostro angolo lavanderia. Prevedere questo spazio in anticipo vi permetterà di avere sempre la casa in ordine nonostante la famosa pigna dei panni da stirare si accumuli a vista d'occhio. 
Una volta decisi i punti focali in cui inserire i panni è importante definire anche dove inserire i prodotti per la pulizia. L'optimus sarebbe trovare un posto ad un altezza fuori dalla portata dei bambini e abbastanza comodo per poter prendere tutto senza doversi allungare o alzate sulle punte di piedi. Se il che è impossibile, trovate almeno un posto dove siano comodi per voi da prendere ma in qualche modo difficile da aprire o da raggiungere da piccole manine.
Oltre ai contenitori quando si organizza un angolo lavanderia è utile pensare anche all'acquisto di catini. Potranno essere piccini per essere riposti facilmente nell'armadio e essere utilizzati per candeggina veloci oppure di una dimensione più grande per poter accogliere bucati più voluminosi come quelli con lenzuola e tovaglie.
Nella scelta oltre al gusto estetico fatevi guidare dallo spazio: tondo se si ha uno spazio poco esteso ma alto, rettangolare se si ha uno spazio esteso. 
Con questi tre elementi avete già risolto parte dell'organizzazione che vi serve per poter velocizzare le operazioni e non avere un disordine immane. Contenti? Leggete il prossimo consiglio!

Stendini e Stireria
Se per la prima parte è tutto sommato è semplice prevedere la disposizione per sistemare panni sporchi e puliti, il difficile è riservato alla defininizione della stireria. Qui i due oggetti principali, stireria e asse da stiro, per quanto compatti sono abbastanza ingombranti. La cosa migliore anche qui è prevedere un armadio che li possa contenere quando non usati, in alternativa bisogna giocare d'astuzia. Se si dispone di un locale lavanderia si può organizzare l'angolo con asse, ferro, appendini e porre il cesto dei panni da stirare sotto l'asse per essere veloci nella fase dello stiro.
Se invece non si dispone di nessun posto la cosa migliore è trovare un angolo abbastanza appartato e abbastanza areato dove tenere i panni puliti. Se è possibile nasconderli alla vista sarebbe meglio così da avere un po' di vantaggio nei giorni in cui la voglia di stirare langue.
Altro protagonista da tenere in considerazione è lo stendino. Senza di questo a volte è decisamente difficile passare da una fase all'altra del bucato. Molti non sopportano questo utile accessorio e optano per l'asciugatrice. Per chi invece è di una scuola più classica l'opzione stendino è da valutare con un certo criterio. Innanzitutto bisogna capire dove sarà posizionato. Spesso nei contesti signorili si preferisce non far vedere in altezza il bucato e l'unica opzione è quindi i orizzontale. Se invece si ha molto spazio o si vuole provare a stendere in casa l'opzione verticale con più ripiani è decisamente più comoda. A voi la scelta, in alternativa ascoltate la fazione asciugatrice e trovatele un posto comodo.

Mollette, appendini 
Uno degli elementi che è utile non dimenticarsi quando si organizza la propria lavanderia è l'insieme degli accessori. Accessori che sembrano inutili e poco ingombranti ma che una volta iniziato il vostro giro di bucati diventano voluminosi e ingombranti. Di quali accessori parliamo? Ovviamente di mollette e  appendini. Se le prime tutto sommato possono essere relegate in un cestino o una scatola, gli appendini vi daranno un po' più di grattacapi. Se da una parte è furbo tenerli nell'armadio, dall'altra vi serve averne sempre un paio quando stendete o stirate per poter appendere direttamente i capi più lunghi lunghi o più delicati. In quest'ottica è buono trovare uno spazio dove inserirli nel vostro angolo lavanderia così da introdurre un'organizzazione abitudine a riunire gli ometti in più ed evitare di trovarli in ogni dove.

Un'attenta suddivisione dello spazio e un giusto numero di accessori e prodotti vi aiuterà a rendere il vostro angolo lavanderia su misura di qualsiasi di bucato. 


Fonte immagine: Lacasadellostile.it

You Might Also Like

0 commenti

Google Plus

Leggi La casa dello stile su Flipboard

Modulo di contatto