Party a tema Alice nel paese delle meraviglie

by - giovedì, maggio 10, 2018


Un tema pieno di simboli e stimoli per chi ama la creatività è sicuramente Alice nel paese delle meraviglie.
Creare un party con questo tema non è poi così semplice e scontato ma con un po' di buona volontà e i dettagli giusti si possono davvero compiere meraviglie. Bisogna imparare a mixare con il giusto peso simboli colori e mood. Non a caso può diventare un tema per feste per bambini ma anche essere declinato per adulti e addirittura per matrimoni. 
Come fare allora? La Casa dello stile vi fornisce alcuni punti su cui riflettere.

Location & Ambientazione 

Uno degli elementi chiave della storia di Alice è la location. Benché passi in scenari diversi Alice è sempre all'interno di un giardino. Che sia il giardino del palazzo della Regina di cuori o quello dove Il Cappellaio Matto organizza il suo té il giardino è un tema ricorrente. Quando si organizza l'allestimento è quindi importante tenere conto di dover ricreare uno spazio simile. Attenzione però bisogna ben accordare la propria idea al luogo dove ci si trova per evitare l'effetto too much che troppo confonde. Per prima cosa quindi analizzate bene la scena che vi si propone. Se siete in un giardino ampio e all'aria aperta lasciate che si formino gli spazi per un buffet che rimanda a quello del cappellaio matto o al campo da cricket della regina di cuori. Se siete all'interno ispiratevi più alle stanze di palazzo, della casetta o al mondo psichedelico del Brucaliffo. 
Una volta analizzato l'ambiente decidete per posizionare i soliti punti chiave: tavoli da buffet, zona gioco o photobooth e zone d'appoggio. Al che iniziate a canalizzare la vostra fantasia sull'ambiente visto in Alice che più si addice al luogo. Sarà tutto ispirato al tè con il Cappellaio? Avrà come tema centrale il susseguirsi di rose rosse e bianche per volere della regina? Ricorderà più la scacchiera della casa dove Alice trova gli antidoti? A voi la scelta. 
Non fatevi però scoraggiare: state scegliendo solo un filone portante. Il resto dei dettagli della favola arriveranno piano piano e li potrete "nascondere" in punti strategici. Vediamo come nel prossimo paragrafo. 

Orologi, cornici, tazze e simboli

Avevamo detto che questo party ha tantissimi simboli con cui giocare negli allestimenti...ed in effetti ne abbiamo a bizzeffe. Dagli orologi in onore del Bianconiglio ai semi delle carte della Regina di cuori fino alle stoffe del Cappellaio Matto e servizi da tè inglesi. Sembra quasi che qualsiasi elemento per allestire un party sia stato inserito nella storia di Alice. Come fare però per evitare di avere troppi simboli e confondere tutto in un marasma? Giocate con le grandezze. Partite elencando i primi elementi che vi vengono in mente pensando ad Alice: 
  • tazze 
  • cappelli
  • carte
  • orologi
  • rose
  • fiori
  • chiavi
  • bottiglie
  • cornici
  • ....
Fermatevi e scegliete quelli importanti (come orologi, tazze e carte) e a questi attribuite lo spazio più grande. Agli altri date una forma più piccola facendoli apparire sullo sfondo del buffet (per esempio biscotti a forma di chiave o cupcake con frosting che ricordano le rose) o nel photo booth.
Una volta che avete scelto quali simboli e quali grandezze, mantenete sempre un tono da vecchio giardino inglese affidandovi a oggetti in metallo bianco con forme shabby chic, legno chiaro e tante stoviglie e accessori retrò. Dall'innaffiatoio alle tazze da tè, dalle panchine alle cornici... In un mix che sa di incanto, vecchio mondo e confusione controllata.

Scritte e Silhouette

Oltre agli elementi da decoro, un punto interessante del tema per feste Alice nel paese delle meraviglie è legato alla parte grafica. Nel suo sogno appaiono scritte con consigli ma anche figure mutaformi o non definite come lo Stregatto. Per questo una delle soluzioni per dare un carattere alla vostra festa è giocare con le silhouette dei personaggi e i cartelli. 

D'altra parte se allestite solo con servizi da tè e carte un giardino non per forza il richiamo alla tavola Alice nel paese delle meraviglie è così scontato.

Per cui ricorrete di tanto in tanto alle sagome del Bianconiglio, del cappellaio matto o di Alice stessa facendole apparire in centrotavola o nei punti di passaggio. 
Allo stesso modo sottolineate con le famose parole "eat me" e "drink me" (viste anche nei film) i vari elementi del buffet. Anzi talvolta è anche la scusa per non perdersi in mille decori di cake design e garantire comunque l'effetto wow. 
Vi ricordate che nello scorso paragrafo parlavamo di confusione? Tante volte non dovete costringervi a ribaltare per forza gli schemi in fatto di decor. Basta qualche cartello che generi questo senso. Spesso infatti chi crea un party a tema Alice sceglie di creare un totem con più cartelli con fasulle indicazioni ricordando quello dei gemelli Pinco e Panco. 
Tutte le scritte però devono scegliere un font che ricordi il mondo del primo 900. Che abbia quindi un look molto simile alla scrittura e che abbia delle grazie molto evidenziate dando un senso di eccentricità sono i due accorgimenti da tenere conto nella scelta. 
Da lì a voi scatenarsi nelle varie quote o indicazioni da scrivere ed esibire.


Alice nel paese delle meraviglie non è certo un tema facile da realizzare ma ci vuole poco per poter dare quell'atmosfera immediatamente riconoscibile. Per cui lasciate che la fantasia vi sostenga e scegliete subito l'evento da tematizzare! 

You May Also Like

0 commenti

Labels